La rapida trasformazione della società lungo la strada della digitalizzazione ha visto negli ultimi anni il rilascio di molti servizi sia pubblici che privati accessibili attraverso piattaforme digitali.

In particolare, i servizi della Pubblica Amministrazione ai quali si può già accedere con tale modalità sono molteplici: dal pagamento della Tasi, al bollo auto, dalle prestazioni sanitarie al fascicolo dell’Inps, dal riscatto della laurea, alla richiesta degli assegni familiari, dalla consultazione del Cud, alla richiesta di bollettini, dal saldo di tributi regionali, al pagamento della mensa scolastica e ticket sanitari via web, alla richiesta per l’assegnazione di una casa popolare.

Ai servizi offerte dalla PA si aggiungono gli innumerevoli servizi privati per i consumatori, le persone giuridiche e i liberi professionisti.

La trasformazione digitale in atto mentre da un lato contribuisce alla semplificazione dei processi dall’altro garantisce ai cittadini servizi non solo più accessibile e più efficienti, ma anche maggiormente sicuri. In questo processo il livello di attenzione alle tematiche relative alla Privacy e alla CyberSecurity è elevato e richiede agli utenti partecipazione attiva, informazione e consapevolezza.

Da queste considerazioni e dalla consapevolezza che purtroppo alla disponibilità di strumenti digitali (in particolare lo smartphone) non corrisponde sempre una piena consapevolezza né delle possibilità che fornisce né dei rischi che si corrono navigando in rete superficialmente, nasce l’idea di questo progetto che prosegue, ampliandoli e approfondendoli, i contenuti e le iniziative avviate con il precedente Digito ergo sum.

Per rendere realmente accessibili e fruibili i servizi digitali messi a disposizione della PA e per poter beneficiare pienamente dei vantaggi della digitalizzazione anche nei servizi privati, serve infatti che i cittadini siano accuratamente informati sulle opportunità offerte e sulle modalità di accesso, che siano consapevoli dei rischi e capaci di attuare iniziative e/o strategie per tutelarsi in autonomia o sapendo a chi rivolgersi in caso di necessità.

Il progetto Cittadini Digitali, condotto da Adiconsum Lombardia, insieme a Confconsumatori, Federconsumatori e Movimento Consumatori nell’ambito dell’intervento n°1 del Programma generale della Regione Lombardia finanziato dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi del D.M 12 febbraio 2019  nasce con questo scopo.

Obiettivo generale del progetto è pertanto contribuire alla buona riuscita del processo di digitalizzazione, con l’obiettivo più ampio di contribuire alla conoscenza ed alla consapevolezza dei cittadini lombardi; ridurre i fattori di esclusione sociale favorendo l’inclusione e l’accesso in sicurezza ai servizi digitali a tutti i cittadini, con attenzione a coloro che versano in condizioni di vulnerabilità.

Per fare questo abbiamo realizzato una serie di materiali e iniziative formative che, in continuità con il progetto Digito ergo sum, è possibile trovare sul sito www.esseridigitali.it.